stuz

sparo solo stronzate

McDonald’s, the same old story

Potrei quasi scrivere un maledetto romanzo sui luoghi comuni ai quali si assiste quando si va a mangiare al McDonald’s.
Sembra di partecipare ad eventi scriptati, che vanno in loop ogniqualvolta metti piede in un Fast Food, manco se questo fosse stato programmato dall’architetto di Matrix…

Ad esempio, è SCONTATO che la cassa in cui fai la fila tu è sicuramente la più lenta.
E’ una legge astronomica, quasi matematica, un dato di fatto per la miseria!
A quel punto le cose da fare sono due:
1) La prima, la più adottata, è quella di cambiare fila, velocizzando a dismisura quella in cui eri prima e iniziando a pentirti della tua scelta.
2) La seconda è quella di rimanere in attesa che gli altri adottino la prima scelta (molto raro).
Ma il problema, quando sei al McDonald’s è che non ci sono gli ALTRI, ci sei solo TU con la tua maledetta sfiga è l’impossibilità fisica e spirituale di stabilire qualse sia la fila più veloce.

Altro luogo comune: il dispenser dei gelati o è guasto oppure si guasterà nel corso della giornata. Non che mi freghi molto in verità, quei gelati fanno schifo, ma si ricollega perfettamente con la prima teoria, poichè le persone in fila prima di te rimangono completamente spiazzate da questo evento e quindi stanno lì ferme come ebeti per interminabili secondi a cercare di pensare in fretta con cosa rimpiazzare il dannato McFlurry, facendo perdere tempo e pazienza preziosi.

Poi, quando è il tuo turno di ordinare inizi a cadere in preda al panico per paura di sbagliare a dire qualcosa e che di conseguenza la…cameriera? Hostess? Servitrice? Boh..che la poveraccia dietro al bancone sbagli qualcosa e che quindi rallenti ancora di più la fila, con conseguente scazzatura della gente dietro di te. Quindi arrivi dinnanzi al bancone e inizi a farfugliare qualcosa a casaccio perchè ti sei già scordato tutto quello che fino a quel momento eri stato a ripeterti mentalmente per paura di sbagliare e che eri sicuro di poter ripetere senza problemi a voce:

Ummecmenucrispimecbeconmèdio con cocacolazzèro, poi ummecmenumecroialdelàcs medio con fanta e patatine vertìgo, ummenucikemmecnàgghets grande con spràit.

Inoltre andando al McDonald’s trovate sempre il simpaticone di turno che tira fuori le solite battute del tipo: “Chissà di quale animale sarà questo hamburger, forse di topo. Ahahah”, oppure “In pubblicità i panini sembrano molto più belli, grandi e farciti.” Ah si? Beh, è senz’altro un concetto PREGNO di ragione, come negarlo? Ma trovami qualcuna che usando l’Oil of Olaz sia diventata una topa come Milla Jovovich.

Altri luoghi comuni più o meno frequenti sono i seguenti:

  • Di media si sceglie cosa ordinare solo da metà della fila in poi, mai prima;
  • Quando si è in gruppo il tuo panino è sempre l’unico per cui dovrai aspettare altri 5-10 minuti, perchè sono finiti e ne stanno preparando altri;
  • Almeno una delle persone in fila davanti a te, deve ordinare roba per altre 10 persone, tra amici o parenti;
  • Almeno una delle persone in fila davanti o dietro di te è obesa.

Insomma alla fine, dopo aver girovagato tra i tavoli, in cerca di un posto libero, possibilmente lontano da mocciosi con le pustole e le maghliette sudicie d’unto, arrivi al tavolo e, addentando il tuo prezioso Big Mac ti chiedi a quel punto quale cazzo sia il motivo per cui l’hanno chiamato “fast food” se dal momento del tuo arrivo nel locale al tuo primo morso al panino è passata già mezz’ora, cazzo!

 

Invito chiunque legga questo post a smentire o confermare le tesi ivi illustrate, per vedere se sono solo io che le vivo, oppure se è una cosa comune.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi