stuz

sparo solo stronzate

In mind #1

Parcheggiai il furgoncino nei pressi di un benzinaio sperduto chissà dove e in quale città, il cielo era abbastanza uggioso ma non sembrava dovesse piovere e mi scappava da pisciare in maniera incredibile. Tirai il freno a mano e guardai Sabry che aveva un’aria strana e un colorito paonazzo in volto.
“Torno subito, il tempo di andare al cesso.” Lei mi guardò con uno sguardo supplicante “Fai presto, non mi sento tanto bene, mi fa male lo stomaco”, per tutta risposta le chiusi praticamente lo sportello del veicolo in faccia dicendole, una volta fuori “com’è che ti sei ammalata tutt’a un tratto? Prima stavi bene! Comunque faccio subito”.

Mi diressi all’interno del locale, popolato da gente strana, camionisti, surfisti, ubriaconi e ragazzi che giocavano al biliardino. Il tizio dietro al bancone mi vide entrare ed alzò lo sguardo. “Mi scusi dov’è il bagno?” chiesi, “Lì sulla destra” mi rispose facendo un cenno con la testa.

continua

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi