stuz

sparo solo stronzate

Voce dallo scantinato

OK, basta così, ho necessità di scrivere qualcosa, di dire la mia a qualcuno, di gettare parole al vento anche solo per il bisogno di farle uscire dalla mia testa, visto che è da una vita, oltre due anni, che non esterno in questo modo pensieri sul mio cesso di blog. C’è rischio che i pensieri facciano la muffa e che dentro il cranio mi si formino cattivi odori e siccome A ME non piace vivere nella monnezza, eccomi di nuovo qui, senza niente di davvero concreto da dire, ma che dirò ugualmente, a costo di parlare per righe intere del nulla e del cazzo che vi frega.

continua

Al cinema con Papà

Martedì scorso è successa una cosa che oramai avevo dato per persa, sulla quale mi ero rassegnato ma che invece è successa: SONO RIUSCITO A PORTARE IL MIO VECCHIO A VEDERE UN FILM AL CINEMA.

Eh si. Per molti di voi potrà sembrare una cosa incredibile, eppure fino ad oggi non avevo mai sperimentato la cosa. Infatti l’ultimo film che mio padre vide al cinema, stando a fonti familiari piuttosto attendibili, sarebbe stato nientemeno che Beverly Hills Cop 2. Si parla quindi dell’anno della mia nascita (mavvaffanculo, che tempismo per smettere di andare al cinema!). Fino a prima di martedì ero cresciuto con la convinzione che mai sarei riuscito a convincerlo a tornare al cinema, del resto per tutta l’infanzia ci sono sempre andato con mia madre. E invece poi…

continua

F.

Fino a ieri ero uno di quei fortunati ragazzi ad avere ancora tutti e quattro i nonni in vita.
Vorrei evitare per questa volta uno dei miei soliti post e vorrei anche evitare di giustificarne il motivo, anche se è inquietante sentire il bisogno di specificarlo ogni volta…
Comunque la notizia è arrivata ieri sera. La aspettavo al varco e quindi venirne a conoscenza non mi ha turbato più di tanto. Sapevo che sarebbe accaduto e penso che sia stata un pò una liberazione per tutti sapere che ha smesso di soffrire.

Mentre tentavo di prendere sonno poi ho cercato di ricordare i bei momenti passati assieme, e la cosa più triste è stata constatare come questi risalgano oramai a tanti anni fa.
Mi ricordo quando davanti al camino cercava di attizzare la brace per cuocerci sopra le castagne e quando infornava le mastodontiche teglie di pizze fatte da nonna nel forno a legna della casa vicino al fiume ed io ero lì di fianco che lo osservavo; me lo ricordo quando mi guardava giocare con la ghiaia nel cortile del castello oppure quando lo seguivo nei campi dell'orto mentre innaffiava gli ortaggi con la pompa dell'acqua.
Ed è un pò questa l'immagine che ho impressa nella mente di mio nonno. Un grande lavoratore.
Vederlo un mese fa steso su un letto d'ospedale incapace persino di repirare mi ha fatto tornare alla mente i giorni in cui mostrava tutta la sua forza.

Con il tempo avevo dimenticato tutte queste cose. Solo ora che non c'è più sono riaffiorati questi ricordi, è curioso.

In camera, vicino al PC, ho una foto dove io non avrò avuto più di 3 o 4 anni, in cui si festeggiava un suo compleanno. Quella foto è lì da sempre, la guardo di sfuggita almeno una volta al giorno da molti anni e sebbene non ricordi quella serata adesso quella foto fa tutto un altro effetto.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi