stuz

sparo solo stronzate

Al cinema con Papà

Martedì scorso è successa una cosa che oramai avevo dato per persa, sulla quale mi ero rassegnato ma che invece è successa: SONO RIUSCITO A PORTARE IL MIO VECCHIO A VEDERE UN FILM AL CINEMA.

Eh si. Per molti di voi potrà sembrare una cosa incredibile, eppure fino ad oggi non avevo mai sperimentato la cosa. Infatti l’ultimo film che mio padre vide al cinema, stando a fonti familiari piuttosto attendibili, sarebbe stato nientemeno che Beverly Hills Cop 2. Si parla quindi dell’anno della mia nascita (mavvaffanculo, che tempismo per smettere di andare al cinema!). Fino a prima di martedì ero cresciuto con la convinzione che mai sarei riuscito a convincerlo a tornare al cinema, del resto per tutta l’infanzia ci sono sempre andato con mia madre. E invece poi…

continua

Cooler Master Sniper

Jeppo:

Dos: Il case é ispirato alle forme di un fucile, sul davanti c'é la croce del mirino e sniper in inglese vuol dire cecchino.
Spero che le sia arrivato tutto xke non lo riscriverò di nuovo.
Ad ogni modo é enorme, forse un tantino troppo. 😀

Jeppo: Ma che cacchio di fucili usano?!?! Hhauhauhauahua!!!
Ehm…scusa, invece io dico che se lo guardi bene nella sua interezza assomiglia ad una TANICA DI BENZINA!!!! Dove il manopolone sopra fa da tappo!!! ahuahuahauha

Dos: Ahah

Stuz:
auhauhuhahu ADDO CAZZO LO VEDE IL FUCILEEEEE

Jeppo:
uahuahauhaua oh Dio mo crepo…zitto pe la madonn…

Stuz:
"E sniper in inglese vuol dire cecchino" solo pe quello….cazzo di sargnone!

Jeppo:
ad ogni buon conto n'aspost chiù…si sarà reso conto che è molto più veritiera la mia similitudine (la tua…)

Stuz:
m'ha chiesto se un giorno di questi vado là a vederlo…
Primo: oè, non vedo l'ora di andarci
Secondo: magari lo porto n'attimo giù così faccio il pieno, lollol

Jeppo:
UAHUAHUAHAUHAU no…no…spe, vengo anche ioooo, mi ha invitato pure a me!
Così dividiamo a metà la benza

Stuz:
AHUHAUUHAUHAUHAHUA a lui lo lasciamo a pit pe la madonn auhauhauhhau

Jeppo:
Lol (ma si pò sapè a che serve lu cazz di manopolone?)

Stuz:
a richiude lu tapp! UHAUHAUHAAUHAUHAUAUHAHU

Jeppo:
ma vaffancul…auahuahau

Stuz:
cia santa c'ho le lacrime

Jeppo:
zitt…auà, ma venut da piscià aspè…

Dove diavolo è Jeppo?

Sarà un mese che non sento più Jeppo. Sapevo che doveva andare in ferie da Lunedì 9 fino al 25 Agosto, ma la sua scomparsa risale oramai a molto prima!

Jeppo dove cavolo sei finito? Mi sento solo su Messenger, senza nessuno da prendere per il culo o con cui sparare e condividere perle di saggezza miste a stronzate senza eguali.
La vita scorre lenta in ufficio senza il tuo inconscio supporto morale che mi sosteneva spiritualmente, come la compagnia di una TV accesa mentre si è da soli in casa durante una sera piovosa.
Batti un segno, per Diana, io devo sapere! Non ho affatto voglia di aspettare il 25 agosto per risentirti, per allora sarò già morto di noia un paio di volte!

Per chi non sapesse chi diavolo è Jeppo, consiglio di leggere l’articolo “Chi diavolo è Jeppo?”, reperibile qui o cliccando sulla mastodontica scritta “JEPPO” nella colonna destra di questa pagina…

 

AGGIORNAMENTO: Jeppo è riuscito a contattarmi dal tempio tibetano dove si trova ora! *D*
A quanto pare tentando di mitigare un acceso scontro tra le forze Bergör e la tribù dei Pastrolfi di Kasengaard si è ritrovato scaraventato nella foresta dopo che il suo F-16 è stato colpito da una pietra lanciata dalla fionda di un nativo della zona.
Ora sta bene, è stato soccorso dai monaci del posto e sta pian piano riprendendo le forze.

Vi riporto cosa c’era scritto nella pergamena che ho ricevuto ieri da un’aquila reale:

Grazie per la dedica sul sito, ma è un periodo un pò così… Passerò a trovarti. Un abbraccio.

Jeppo. 🙂

Chi diavolo è Jeppo?

Prefazione

Esistono entità in questo mondo la cui genesi non è raccontata in nessun libro, il cui sviluppo non è stato tramandato da generazione alcuna.
Semplicemente esse esistono e l’umanità ha quasi scordato di chiedersi il motivo.

E Jeppo assolutamente NON fa parte di tutto ciò!

Anzi sono altresì convinto che semmai fosse stato una di quelle entità, nessun essere umano sano di mente gli avrebbe affibbiato un nomignolo così poco formale, suppongo che avrebbero optato per un nome tipo Ejha Shiwani Eru o una cosa misticamente inpronuciabile di questo tipo…

Jeppo è Jeppo. E’ un comune mortale come voi e che proprio come voi ha passioni e idee da fissato.

La leggenda

La leggenda narra di un mercenario che nei tempi che furono si dilettava a giocare con le allora avanzatissime console MSX, le quali in seguito alla profonda invidia scatenata dai suoi coetanei che possedevano il commodore 64 (e prima di esso il Commodore Vic 20) impressero nel suo incoscio quell’amore intrinseco e viscerale per gli elaboratori elettronici.

Con il passare degli anni esso è andato notevolmente evolvendosi, pezzo dopo pezzo, scheda video dopo scheda video fino all’era digitale attuale, nella quale, dicono, è riuscito a trovare la pace dei sensi (fonte non confermata). Durante tutto il suo cammino nelle terre sempre più affollate dell’home computing, ha trovato chi, anni dopo, gli avrebbe fatto da spalla morale seguendolo nel suo viaggio. Presto si sarebbe accorto che il suo nuovo compagno di avventura avrebbe seguito la linea guida da lui tracciata e sarebbe diventato anche lui un piccolo maestro di pc. Il tizio in questione, se non si fosse capito, era…Jeppo! AHAHUAUHAHU no scherzavo era per capire se eravate attenti. Il tizio in questione era un tale di nome Stuz!

Stuzzo, che fino ad allora aveva conosciuto solo un Game Boy, un Super Nintendo un 386 off-limits dei genitori, e che cominciava appena ad affacciarsi in un mondo dove la Playstation 1 aveva iniziato a diventare l’oggetto del desiderio di milioni di ragazzini come lui, cominciò ad addentrarsi nel mondo di Jeppo dopo l’arrivo del suo primo vero computer, un Pentium II da 350Mhz (con il quale riuscì, fra gli altri, a finire anche Max Payne 2!!!). Da lì fu un crescendo di scambi di nozioni, formattazioni, acquisti di componenti e, diverso tempo dopo, arrivò anche il primo montaggio di una scheda video fatto in solitaria, seguendo le indicazioni di Jeppo stesso. L’inizializzazione era ormai completa.

Durante il periodo dell’allenamento unirono le loro umili forze nelle mille battaglie contro l’Immortale, l’innominabile FlashDead, spietato e senza alcun senso dell’onore, accecato dalla sete di vittoria e supremazia totale su chiunque osasse sfidarlo in combattimento. Dinnanzi ad una tale forza devastatrice Jeppo e Stuzzo, avviliti, decisero di passare ad altro ed acquisirono il rango di ‘survivors’ combattendo contro orde inferocite di zombie assetati di cervella umane, senza riuscire mai ad eccellere davvero in questa disciplina. Abbandonate le speranze di gloria e successo si dedicarono sportivamente al single player amatoriale.

Col passare degli anni le esperienze in ambito informatico si consolidavano, le conoscenze si ampliarono e il piccolo Stuzzo e l’anziano Jeppo, iniziarono i loro primi battibecchi e litigi per far valere ognuno la propria opinione. Jeppo da una parte, dall’alto della sua storica esperienza e delle sue conoscenze su hardware ed elettronica, e lo Struzzo dall’altra, forte di una conoscenza più avanzata di software e web. I due si scontrano periodicamente in battaglie concettuali che trascendono la sola informatica, scambiandosi insulti indicibili a suon di chat per poi riappacificarsi quando è ora del caffè, dimenticando subito la diatriba quotidiana.

Solo recentemente Jeppo, del quale è noto a tutti il suo decadimento fisico a causa della sua avanzatissima età, e il suo compare Stuzzo, per via della panza, hanno deciso di intraprendere un percorso di allenamento di spirito e corpo, praticando brevi ma mirati slanci di velocità per tutto (beh quasi) il lungomare nord della Terra di Mezzo a Montesilvano e Francavilla. Il risultato di ciò fu un decadimento corporeo anche in Stuz, che con la scusa della tosse grassa, smise di correre e da allora non si pronunciò mai più sull’argomento.

Oggi del Jeppo che fu è rimasta solo una fievole aura, un risonante ricordo della memoria, che echeggia negli annali della storia.
La vita gli ha regalato una famiglia e le vecchie passioni trovano solo in parte il loro posto nella sua occupatissima vita. Stuzzo, oramai consapevole e anche un pò rassegnato a questo fatto, sa che dovrà continuare questa strada da solo, almeno finchè non riuscirà, come fece al tempo il vecchio buon Jeppo, a tramandare i suoi insegnamenti ed infine, a trovare la pace.

 

Chi è dunque Jeppo? Un mercenario, un mentore, uno spirito consigliere e un inguaribile appassionato di pc.

E’ anche mio zio, oltre che un sagnone.

Curiosità

  • L’umanità è ancora in fremente attesa di sapere quando Stuzzo deciderà di riprendere a correre.
  • Jeppo, pur di non comprare un case Cooler Master, perennemente osannato da DoS il miserabile, ha preferito fabbricarselo per conto suo.
  • Jeppo disprezza la marca Trust, utilizzata invece felicemente da Stuz, e che ha rappresentato motivo di bisticcio fra i due più di una volta.
  • Jeppo si appiglia ai discutibili gusti musicali di Stuz quando quest’ultimo inizia ad attaccarlo miratamente nell’orgoglio.
  • Nonostante ciò che narra la leggenda, Jeppo è un cesso a qualsiasi gioco, a differenza di Stuzzo.
  • Con la scusa della passione, Jeppo tiene costantemente aggiornato PC e muletto, senza davvero sfruttarli come meriterebbero.
  • Quando Jeppo acquista qualsiasi oggetto si convince che la cosa provochi invidia in Stuzzo, a prescindere dal fatto che sia vero o meno.
  • Stuzzo e Jeppo si salutano in chat ridendo a crepapelle.
  • Alcuni messaggeri dell’ovest hanno riferito che l’Immortale ha abbandonato la sua indole assassina ed ora conduce una vita pacifica insegnando ai bambini come bruciare le formiche con una lente d’ingrandimento nelle giornate di sole.

Pensieri di fine settimana

Sono le 18:05 di venerdì pomeriggio, e io sono a meno di un’ora dalla fine della settimana lavorativa…

“E che cavolo stai facendo qui su questo cesso di sito, invece di lavorare?”

Primo: come ti permetti di dire che è un cesso di sito!?!
Secondo: dovresti vedere le ore precedenti…
Terzo: interrompimi un’altra volta e vedrai cosa ti succede!

Dicevo, ho deciso di buttare giù un paio di righe a mo’ di diario, per ammazzare un pò il tempo e perchè il sito è mio e ci faccio ciò che voglio! Oh!
Non che abbia in realtà qualcosa da dire, ma mi piace scrivere lasciandomi trasportare solo da quello che sto pensando in quell’esatto momento. Tutto ciò potrebbe portare ad un testo incomprensibile o sintatticamente/grammaticalmente scorretto, ma infondo il tempo da perdere è anche il tuo quindi figurati…è già tanto che sei arrivato a leggere fin qui, quindi diciamo che in qualche modo ti sono debitore visto che per farmi contento stai pian piano deteriorando la tua vista (piccolo consiglio per chi non ama le cose estreme: c’è un link in alto a destra chiamato ‘Orange’, cliccaci. Secondo alcuni studi di non-so-chi pare che quel contrasto sia il migliore per la lettura. Fonte: Zio Jeppo).

Per sanzi! Per scrivere ‘ste tre corbellerie c’ho messo 13 minuti, pazzesco, sono le 18:18…faccio davvero schifo. Tuttavia sono convinto che sia un post molto migliore di tutte le troiate scritte da qualsivoglia bimbomikia sui vari network prefabbricati, quali facebook e similari. Se non altro questo è scritto secondo regole grammaticali ferree (grazie maestra Altea) anche non avendo scritto, all’atto pratico, nulla di nulla. Sono privo di idee questa è la verità, qualcuna m’è saltata in mente mentre costruivo il sito ed ora che è pseudo-pronto non ho più un cazzo da dire. Che condanna.
Però dai ammettetelo, se siete arrivati fin qui è perchè so come tenervi interessati ed attenti. Per la serie: “non ho scritto nulla, ma l’ho scritto davvero molto bene”. 😀

Mmh, eppure qualcosa da dire dovrò pure averla, io che sto sempre incazzato con il mondo, io che sono testardo e fissato con le mie idee…che stia diventando un prodotto della società come quella truzza di mia sorella? No, Dio me ne scampi!

Oh, oggi è il 30° anniversario della nascita di Pac-Man! Che emozione, il progenitore di tutti i videogiochi ignoranti, violenti e fracassioni a cui gioco ora, chissà che palla di mondo che sarebbe ora se non l’avessero mai inventato.
Comunque, io sono di questo avviso: un gioco sarà pure ignorante, sarà pure violento, ma è sempre meglio che ubriacarsi o drogarsi come fanno i truzzi. Ben venga se spendo soldi in videogame, piuttosto che in erba, no?
Oramai quando parli con qualcuno e gli dici “mi sono comprato il videogioco taldeitali” pare che gli hai rivelato di essere omosessuale e ti squadrano come se stessi indossando un cappello da Babbo Natale mentre balli la tarantella su un gruppo di scoiattoli travestiti da hot dog. Senza contare poi quando se ne escono con frasi del tipo “Io per quella roba non ci spendo i soldi”. Ah si? Però te la scarichi! Qual’è il motivo di tutto ciò? Per comprarti l’abito firmato che vale 4 soldi però 200 e passa euro ce li spendi, per il cellulare ultima generazione del quale non sfrutti neppure un 10% però 300 e passa euro ce li spendi! MA un gioco che puoi benissimo trovare a 10€ preferisci scaricarlo…Allora, come lo giustifichi? Un atto anticonvenzionale? Un atto di ribellione? E verso cosa? Posso capire se un gioco fa pena, ma se ti piace?

Quindi sono arrivato alla conclusione che la gente non ama spendere soldi per cose con cui poi non può farsi lo svelto, con i quali non può mostrarsi in giro e dire “ti piace? l’ho pagato 200€. Ipocriti!

Ahuahua, tutto questo mi ricorda me quando rompo le cisti a Sabrina dopo che s’è comprata 10 smalti di colori diversi, che non utilizzarà quasi mai e che non esaurirà mai, solo perchè costano 3 euro. Quegli smalti fanno la fine del mio burrocacao o dei miei deodoranti, li uso talmente poco (perchè io profumo di mio, auhauhauh) che li ho da decenni e non sono ancora riuscito a sfiatarne uno del tutto.

Aaahhhh quante cazzate che sono riuscito a sparare in 41 minuti (neppure tante per il tempo trascorso, ma va bene così), chissà che un giorno non decida di mettermi alla macchina da scrivere e iniziare a scriverci un romanzo, conoscendo i miei tempi per portare a termine qualcosa direi che in 38 settimane potrei essere riuscito a trovare la voglia di completare l’introduzione. Il resto penso che riuscirei a completarlo per quando gli anni ripartiranno dallo 0, e Gesù Cristo Reloaded potrà farne la recensione.

Vabè, dai, ho deciso che vi terrò compagnia fino alle 19:00 (poi me la squaglio che mi sono rotto di stare in ufficio). Aspettate un secondo, m’ha scritto Gazza su Messenger, il tempo di rispondergli e torno…….Ri-eccomi qui, scommetto che vi sono mancato!
Quasi quasi me la svigno prima, in fondo non ho più nulla da dire (strano) e poi qui non ho più nulla da fare, stavo giusto pensando di…OMMIODDIO SONO LE 19:00!!!

Survivors cercasi

“Sei solo? Sperduto nelle tenebre? I morti viventi ti braccano e non sai se sopravviverai?
Noi siamo qui per aiutarti! Possiamo darti una mano a sopravvivere! Unisciti a noi nella lotta per la sopravvivenza. Ci faremo strada a suon di fucilate al cervello. Saremo gli uni al fianco degli altri nei momenti di maggior pericolo.
Steam ci sarà d’aiuto per trovarci, ti basterà cercare stuz87 e Jeppo71. Abbiamo bisogno di voi per riuscire vivi da questo inferno e solo collaborando potremo farcela.

Ti prego, siamo la nostra unica speranza!”

Stuzzo e Jeppo (Due survivors nella terra dei morti viventi)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi