stuz

sparo solo stronzate

Cacate selvagge oltrenatura

Quelle sporadiche volte in cui mi sono imbattuto in quella porcata di "Wild" mi sono sempre posto una domanda.
Ovvero:

Considerando il fatto che in buona parte delle "storie" (tragedie assurde) i protagonisti vengono mutilati, deformati e feriti a morte da animali feroci e situazioni di varie tipologie, come diavolo è possibile che i suddetti protagonisti vengano anche utilizzati come attori nelle scenette ricostruite?

Mi immagino in particolare la troupe del programma che allegramente va a fare visita alle povere vittime dicendogli:
"Hey ciao, siamo del programma Wild, sappiamo che sei piuttosto scosso e shoccato dal tuo incidente con il leone velenoso di sto cazzo, ma ci chiedevamo se volessi interpretare te stesso nella ricostruzione della storia che ti ha rovinato la vita."
Ed ancor meno plausibile è che la troupe vada in giro a chiedere alla gente se vuole farsi mutilare da animali feroci per diventare protagonista di una storia di Wild!

Cioè dai. No.
È chiaro come una palla di neve che o le storie sono inventate oppure quelli che parlano sono attori o ancora che tutti i dettagli della storia siano stati creati ad hoc per creare una storia spettacolare che contemporaneamente intrattenga e disgusti lo spettatore ma che di vero non ha un bel cazzo. Peraltro descrivendo con dovizia di particolari dettagli che un povero tizio a cui stanno sventrando il culo non avrebbe mai la forza nè la volontà di ricordare. Roba tipo il colore dell'erba, il vento che si alza o la farfalla che gli si posa sulla spalla.

Comunque prima c'era quella fiammella cazzona con la 'R' moscia convinta di essere una tipa tosta che aveva appena iniziato a parlare (a vanvera) di dinosauri e se n'è uscita con un'affermazione del tipo:

Il diplodoco era un dinosauro erbivoro che si spostava in branchi in cerca di cibo. Aveva un collo lungo 12 metri che usava per mangiare l'erba.

Certo. Ovvio. Erbivoro, erba…ha senso.
Una bestia ha 12 metri di collo e di che cazzo si nutre?! Di erba.

Cartoon Sushi

Tenendo fede alla tradizione che mi vede scrivere in questo spazio la sera tardi, torno stavolta per parlarvi di una cosa che molto probabilmente molti di voi nemmeno conosceranno e che tutti gli altri molto probabilmente avranno dimenticato.

Prima stavo discutendo con Fabio di alcuni lavori di Mark Powell, alchè siamo finiti a parlare di film gotici ed horror dalle forti tinte gore. Dopo un pò mi passa un link ad un video su YouTube, un cortometraggio in stop motion che di primo acchitto non riconobbi ma che in seguito mi fece tornare in mente dove lo avevo già visto forse 10 anni prima, a dir poco.

All’epoca in Italia MTV era una tv appena nata e come tale non aveva una grande varietà di programmi da offrire, perciò si limitava a far passare video musicali, cartoni animati e classifiche musicali. Chi si scorderà mai il programma di Chris & Chris in attesa di vedere Celebrity Deathmatch che iniziava alle 21:00 per poi continuare con Beavis & Butthead e Daria? Altri tempi quelli, MTV era ancora una TV “alternativa”, mi fece specie all’epoca il fatto che si distinguesse da tutte le altre TV per la peculiarità di parlare con lo stesso linguaggio dei ragazzi. Esempio: le reti Mediaset e RAI per annunciare un programma dicevano (e lo fanno tutt’ora) “Lunedì alle venti e trenta”. MTV NO! Diceva “Lunedì alle otto e mezza di sera”. Molto più disinvolto, rilassato ed informale, diamine! Oggi invece è diventata una porcheria, ma finirei col divagare.

Quello che voglio rimembrare ora qui insieme a voi era quella simpaticissima serie di mini cartoni animati/cortometraggi che prendevano il nome di Cartoon Sushi.

Non era una vera e propria serie in realtà, era più che altro una raccolta di tutti questi cartoni animati, alcuni davvero delle vere e proprie micro perle, devo ammetterlo.
Venivano trasmessi per tappare le falle tra un programma e l’altro e a seconda del tempo a disposizione ne mostravano uno, due, tre o anche cinque diversi.
Erano cartoni che rimanevano impressi perchè alcuni erano, sì, esilaranti…ma altri…terrificanti, a tratti disturbanti, mettevano ansia e paura. Gli stili spaziavano dall’animazione tradizionale, allo stop motion (stile Nightmare Before Christmas, per intenderci), dall’animazione in 3d, all’epoca ancora molto rudimentale per le produzioni indipendenti, agli ibridi live motion/animazione (Stile Roger Rabbit).

Tra quelli che mi sono rimasti più impressi per divertimento non posso non citare “The Dirdy Birdy”. Ricordo che risi a crepapelle la prima volta che lo vidi, ed ancora oggi ha mantenuto il suo fascino.
Oppure la miniserie di “Fatto scientifico” tra cui spiccava in particolar modo il personaggio Broccoli (non si trovano più, ahimè, le versioni in italiano).
Tra quelli che mi fecero cagare sotto invece cito in particolar modo “Season’s Greetings” e “The Sandman” (quello che mi ha passato Fabio oggi).
Ma questi sono solo alcuni di quelli che vidi tempo fa, mi piacerebbe poterli rivedere tutti e in Italiano. Su Wikipedia sono riuscito a trovare i titoli di tutti gli episodi, anche se si tratta di versioni originali in inglese e su YouTube purtroppo non sono tutti disponibili.

Sono solo io o c’è anche qualcuno tra di voi che li ricorda? Dai, aiutatemi a ritrovarli!

La prima uscita a solo un euro

Mentre mi accingo a concludere la mattinata lavorativa, mi sono ricordato di avere un weblog in cui scrivo cagate e mi sono detto “ehy, ieri sera dopo cena, io e i miei commilitoni abbiamo discusso di un bell’argomento degno di questo sito, perchè non condividerlo?”.

Ebbene eccomi qui. Di cosa si parla oggi? Ma ovviamente delle raccolte in edicola ad uscite settimanali!
Avete capito quali sono…quelle che ti fregano ben bene con la pubblicità super esaltante ed “un prezzo eccezionale” (Del Prado), cominciando con la prima uscita che ti costa un’inezia, per continuare poi a prezzi esponenzialmente più alti.

Ora, non dico che debbano essere delle cose infime ed inutili, quali esempi migliori di “Esplorando il corpo umano” e “Dinosauri” che all’epoca della mia infanzia spopolavano tra i ragazzi. Hanno avuto talmente successo che li riproponevano a distanza di un paio d’anni…
Non dico neppure che tutti debbano eguagliare tale successo, ma sant’iddio….

Ok, mettiamo che io sono il tizio che decide su cosa basare la collezione, cosa può venirmi in mente? Francobolli? Nah, troppo scontata e banale. Carte telefoniche? Potrebbe anche darsi, ma sono davvero tante! A questo punto finisco le idee e prendo la prima cosa che mi vedo passare davanti: un taxi! Ecco l’idea! Farò una collezione sui taxi storici nel mondo.
A questo punto io, potenziale acquirente, vedo la pubblicità in TV nella quale viene mostrata una collezione di milleseicentonovanta modellini di taxi diversi, messi tutti in una splendida bacheca in vetro di Murano e dei tizi in giacca e cravatta tutti sorridenti che la rimirano orgogliosi di se stessi…tutto questo secondo la LORO visione delle cose. La MIA visione delle cose è leggermente più realistica: una persona sana di mente, o almeno con un briciolo di spirito di conservazione economico, o chiunque non abbia mai lavorato nel mondo dei taxi in vita sua, non se lo sognerebbe neppure di andare a spendere millanta euro per una collezione così stupida e inutile, per poi ritrovarsi con una tonnellata di modellini del cazzo senza sapere dove metterli. Insomma, come possono sperare che una collezione di modellini di taxi possa riscuotere successo? Se poi mettiamo pure che dalla terza uscita in poi il prezzo sale ai 10 euro in su, allora la croce è sistemata! Ho fatto l’esempio dei taxi ma ce ne sono molti altri, un altro che ricordo, seguendo la stessa scia è quello dei modellini dei camion dei vigili del fuoco, oppure le targhe automobilistiche del mondo, oppure, i modellini di Roma ed i suoi nemici…scandalosi.
“Finalmente una eccezionale collezione di miniature sui guerrieri dell’antichità!” Finalmente, cazzo!

Tutte queste collezioni le vedi in edicola la prima settimana, poi spariscono inesorabilmente poichè non vi è più richiesta, ma perchè non risparmiarsi la fatica la prossima volta?
C’è da rendere lode alla DeAgostini che invece riesce a sfornare delle cose un minimo  più interessanti o che almeno durano un tantinello di più, anche se comunque la gente non ha alcuna voglia di spendere quello sfracco di soldi per una collezione che terminerà due anni dopo, specie nell’era digitale.

Dal canto mio ho finito la collezione dei dinosauri, quella in cui si doveva costruire il t-rex e il triceratopo fosforescenti, che mito! 8 raccoglitori da 13 fascicoli ciascuno, utilizzati una volta e una volta soltanto: quando li scartavo. Adesso saranno 10 anni che stanno lì a prendere la polvere…

Me li rivendo! Qualuno li vuole? Il primo fascicolo, con un mazzetto di peli del pube di Stuz a solo 1€ e la seconda uscita, con fascicolo e scatarrata in bustina, a 10€!
Un prezzo eccezionale. Del Prado.

Spot per imbecilli

{jumi [*14]}Francamente non sono solito guardare la TV, la guardo solo in momenti strategici della giornata in cui non potrei fare altrimenti, quali i pasti oppure di sfuggita a casa di amici e parenti oppure, non so, in poche altre fugaci occasioni.

Fattostà che non la guardo. Ma quello che vedo quando la guardo mi lascia basito e allo stesso tempo indispettito.
Potrei citare centinaia di cose che nella TV non vanno proprio, ma una cosa mi ha negativamente colpito più delle altre: la pubblicità.

Macroargomento quello della pubblicità, ci sono molti spot carini, altri seri, alcuni molto stilosi ed altri ancora che rasentano un'arte che non ha nulla da invidiare ai film di Hollywood. Ma ce ne sono certe…

Per esempio, la pubblicità che ora come ora davvero non riesco a sopportare, complice anche l'infima realizzazione e lo stupidissimo messaggio, è la pubblicità della Tim, quella con Belèn Rodriguez per intenderci. Cioè, ma porca miseria! Tralasciando il fatto che (che mi crediate o no) a me quella donna sta sulle palle, la reputo immeritevole (come altre centinaia di persone) di stare in TV, non avendo nessun tipo di esperienza che giustifichi la cosa. A prescindere da questo, è una cosa vomitevole il fatto che si sfrutti il suo corpo per una pubblicità che senza di lei, non essendoci nient'altro da guardare, sarebbe altamente stupida, inutile e controproducente per il prodotto sponsorizzato.
Ragioniamoci un attimo: ci sta quel coglione di Christian De Sica, intrappolato oramai da un decennio almeno nelle sue classiche espressioni da marpione deficiente, che va facendo battute che alla meglio potevano anche funzionare negli anni '80, ma che oggi come oggi risultano cretine e NON FANNO RIDERE. D'altronde è così anche per i merdosissimi film di fine anno dove è coinvolto, quindi…che ci stupiamo a fare.
E insomma c'è questo tizio, che si trascina dietro una topona il cui unico scopo è quello di essere una topona e vengono sempre coinvolti in delle improbabili disavventure della durata di 30 secondi, nelle quali vengono dette due battute a caso, senza nè capo nè coda e senza preoccuparsi del fatto che non facciano ridere per niente. Ma tanto alla fine la cosa che conta è fare un finale ad effetto, e siccome la coppia da sola non ce la fa, ci pensa Lady Gaga in sottofondo della quale viene accentuato solo il "verso" chiave, come a sottolineare il fatto che è appena stata detta una battuta (non ve ne eravate accorti eh?) e che la pubblicità è finita. Si ma alla fine…che cazzo hanno detto? Su cosa si voleva portare l'attenzione? Sul prodotto della Tim o su Belen? No perchè ora che ci penso non ricordo affatto qual'era l'offerta, lo sconto o il prodotto da pubblicizzare.

Insomma, l'unico effetto che mi fanno 'ste pubblicità è quello di rendermi più antipatici i personaggi della tv, più di quanto non lo fossero già prima.

Prendiamo il caso del gelato Grand Soleil. MACCRISTO!! Due cerebrolesi che a tavola parlano sempre delle stesse cose!
Nuovo vicino: di cosa ha bisogno? Del gelato per gli ospiti. Bene, gli passo quello mio, ma non prima di avergli spiegato come viene fabbricato, quali sono le sue proprietà, quant'è buono e quant'è bello!
Seconda volta, il vicino di cosa ha bisogno? Di 7 (sette!) gelati Grand Soleil…e qual'è il problema? Nel frigo ho solo quelli, ne ho talmente tanti che li ho dovuti mettere ad incastro come il Tetris o come il camion dei Kinder Pinguì, quando apro lo sportello del frigo devo stare attento a quale prendo perchè potrebbe crollare tutto! Quindi prenditi'sti 7 gelati, ma prima fatti dire perchè sono così cremosi, perchè facilitano la digestione, che sono privi di conservanti o-che-cazzo-ne-so-io…
Alla fine della cena si scatena anche una spassosa gara di rutti, con la scusa del gelato che fa digerire, e quindi tutti giù a dare il meglio di se stessi!
Terza volta: incontro il vicino al supermercato, "Salve come sta? Tutto bene?" "Quasi, sto cercando…" prima ancora che finisca la frase, sapendo già di che cazzo sta parlando lo anticipo dicendo "i Grand Soleil?" e lui "LUI!" Eh, non avevo dubbi, mi segua! Lo porto davanti ad una catasta infinita di gelati Grand Soleil, come se il supermercato vendesse solo quelli (che poi, nella vita reale, relegano giusto una decina di confezioni nei pressi delle casse), iniziando a fare pure da guida turistica! Oramai il mio vicino potrebbe quasi laurearcisi su sto cazzo di Grand Soleil (Ah! Ho anche una figlia che tengo lì affianco a me giusto per far sembrare che io sia una madre di famiglia normale).
Quarta volta: il vicino è invitato a mangiare a casa mia. Finiamo di pranzare e dice "Mah, sarebbe perfetto questo pranzo se ci fosse un Grand Soleil." Potevamo forse concludere il pasto senza? Stavolta pure mia figlia si cimenta in una puntata di Super Quark su sto fottuto Grand Soleil, roba che se il vicino non impara stavolta vuol dire che è sordo!

Insomma alla fine in quattro spot (potrebbero essere di più, ho perso il conto) questo cazzone avrà divorato forse seimila gelati Grand Soleil, roba da denuncia!
Guardate, io non li ho mai comprati i Grand Soleil, ma dopo tutto questo ingurgitare gelati, vaffanculo, m'è venuta la nausa a priori. Personaggi così stupidi e dalle espressioni ebeti per la serie "sono un comico della TV, il mio personaggio fa ridere sempre", scene così grottesche che nel mondo non si vedrebbero mai e poi mai. Ecco come secondo me sarebbe andata nella vita reale:

Prima volta: il vicino si presenta.
"Salve, mi servono dei gelati Grand Soleil."
"Salve, piacere. Presentarsi magari no, eh? Comunque ne ho solo uno, glielo vado a prendere."

Seconda volta: il vicino ha finito i gelati.
"Salve, ho organizzato una cena con degli amici, ma siamo a corto di Grand Soleil, mica gliene avanzano sette?"
"SETTE!? No, li ho finiti. Mi spiace… (e anche se li avessi avuti te li andavi a comprare, pidocchio!)"

Terza volta: il vicino al supermercato
"Figlia mia giriamo al largo dal vicino che è uno stronzo."

Quarta volta: Il vicino non viene nemmeno invitato a pranzo!

RESOCONTO FINALE: nonostante tutto le pubblicità sono un successo e i prodotti riescono a vendere molto. I motivi?
1) Una cosa che rimane impressa nella memoria della gente, anche e soprattutto se si tratta di una cosa stupida, ha più probabilità di successo di una più ragionata e profonda ma che viene dimenticata presto (concetti base di Marketing).
2) Le persone sono stupide.

Messaggo di odio

Devo scriverla, devo perchè voglio che lo sappiate! Ci sono cose che mi stanno proprio sui maroni! Che mi fanno innervosire! Quindi ecco qui la lista delle cose che davvero non sopporto, così sapete:

{jumi [*14]}Mi stanno sulle palle gli autisti del lunedì mattina che si credono i re della strada (il primo palo è vostro, brutti cretini!), la moda e chi crede di avere uno stile seguendo la moda, la musica truzza, la musica emo e gli stronzi emo con i loro capelli laccati, piastrati, stirati e tinti e con le loro cravatte rosse e nere e con le camicette da fighetti, i rappettari che credono che la vera musica sia quella che ascoltano loro, i metallari che credono che la vera musica sia quella che ascoltano loro, i truzzi cazzoni che credono che la vera musica sia quella che ascoltano loro, i poppettari che mi stanno in culo perchè non sanno cosa sia la vera musica, chi risponde alla domanda "che musica ti piace?" con "mah, ascolto un pò di tutto" che in parole povere significa che non ascoltano altro che le puttanate che passano su MTV o alla radio, in generale mi sta in culo l'Italia e chi la governa, vaffanculo destra e sinistra, vaffanculo Berlusconi e Veltroni, al diavolo il Vaticano e il suo tradizionalismo antiquato. Che schifo gli spaghetti e la pasta lunga, il fegato e qualsiasi cibo abbia a che fare con esso, i film italiani lagnosi e depressi ma anche quelli cosidetti comici, non mi piace leggere libri, non mi piace Twilight e il modo in cui 10 milioni di deficienti si sono messi in testa che è bello, non sopporto chi dice che un film è bello perchè il protagonista è un figo, odio Facebook, MySpace, MSN Spaces e tutti i maledetti siti di social networking, odio dal più profondo dell'anima i Negramaro, Tiziano Ferro, i Tokio Hotel, Vasco Rossi e altri mille milioni di musicisti teste di cazzo come loro che noi poveracci siamo costretti a subirci per colpa di chi non capisce una sega, ucciderei senza pietà i conduttori televisivi e i loro programmi di merda, i reality e i talk show! Detesto chi parla e non sa, chi pretende di avere ragione, chi sa di avere torto e si arrampica sugli specchi, chi parla solo per sentito dire, chi si arricchisce a sproposito con le stronzate, il Macintosh, l'iPod e tutta la fottuta Apple, Linux e chi dice che Linux è la giusta via, la Symantec con il loro antivirus inutile e pesantissimo, odio chi è inutile ma esiste, odio chi è inutile e non solo esiste ma si permette anche di rompere i coglioni, mi irrita a morte dover salutare parenti o amici di parenti di cui non so nemmeno il nome e che vedo solo a qualche compleanno solo perchè da piccolo mi hanno visto 2 o 3 volte ("Oooh, come sei cresciutooo" Ma chi cazzo vi conosce!?!?), mi urticano i bambini senza disciplina e i genitori che non li educano e non sopporto i clienti che ti fanno perdere tempo per farsi fare un sito internet ("sono IO che decido, voi andatevene a fanculo!"). Odio e disprezzo qualunque straniero che viene nel nostro Paese e si dà alla malavita, odio e disprezzo qualunque italiano faccia lo stesso in Italia, manderei al patibolo tutti i maledetti pigri di questo mondo per far scontare loro il loro modo di fare e di essere, odio le cose scontate, mi irrita chi non capisce dopo che gli spieghi le cose 4 volte, mi indispettisco quando qualcuno mi chiama e io mi sono appena seduto, quando mi scomodano per le stronzate, non capisco il motivo di fotografarsi mille volte con la stessa identica espressione, mi sta in culo il fatto che una cosa debba costare uno sproposito solo per un cazzo di marchio, odio andare a comprare le scarpe e in generale i vestiti, odio le scarpe orribili che piacciono alla gente tipo quelle merde di Converse che non hanno NIENTE di bello ma la gente le compra perchè la gente le compra. Odio Microsoft e le schermate blu, odio i binbiminkia analfabeti quindicenni e il loro modo di fare da saputelli vissuti e saggi di sta verga con i loro cellulari alla moda che rappresenta tutto il loro mondo da poppanti frigna-ciuccio. Stronzi i DJ, le discoteche e chi le frequenta, stronzi gli indiani che vendono le rose, stronzo chi mi dice "sarai perfetto tu", stronza la Warner Bros e vaffanculo ai dialetti che non siano il mio, vaffanculo alla Telecom e il suo monopolio, fanculo i boy scout, fanculo la RAI e il canone, fanculo i chiuaua e gli insetti schifosi, mi fanno schifo il calcio e i suoi fanatici, mi fanno schifo i fanatici,. Mi rompe chi parla troppo senza sosta e mi stupidisce di chiacchere, mi rompe non poter dire a qualcuno che mi sta rompendo i coglioni e che palle quando la gente antipatica cerca di rendersi simpatica! Detesto la Nokia, gli spammers e le FOTTUTE CATENE DIMMERDA PER EMAIL, quale che sia il soggetto trattato!! Non mi frega di virus su MSN, non mi frega se le foche muoiono scuoiate, non mi frega di pagare meno la benzina, di pagare le cure a bambine nate nel 1800, di trovare un altro amore della mia vita, di fare dei test da cerebrolesi, di leggere barzellette stronze o guardare presentazioni PowerPoint da dementi! IO NON VOGLIO CHE MI SPEDIATE STE STRONZATEEEEEE!!!!!!!!!

Sabry ti amo!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi