stuz

sparo solo stronzate

I pinguini non sono carnivori

{jumi [*14]}Una persona normale che diventa vegetariana è come una che passa da Windows a Linux. Lo è a tutto tondo. E no, non è una cosa bella.

Lo è perché passa da un mondo nel quale ha sguazzato per una vita intera, del quale ha imparato a conoscerne gli anfratti, dove non gli è mai mancato nulla…ad un mondo dove invece per continuare con lo stesso tenore deve iniziare a scendere a compromessi su tutto, cercando inizialmente di autoconvincersi che la sua scelta è stata la cosa migliore da fare, per un motivo o per un altro, e successivamente vivendo proprio con questa convinzione.
Tipo quei fottuti hamburger o salami di soia. Le sembianze sono pressoché identiche alle controparti reali, per illuderti di essere ancora una persona normale, ma il sapore ti riporta alla dura realtà delle cose. Perché fare finta di essere ancora qualcosa che non si è più? A questo punto sbizzarritevi con la fantasia e create roba di forme e colori diverse, anche per sfizio. Se gli hamburger non li mangi più, che senso ha fare finta che sia ancora così?
Tipo Photoshop e Gimp, Writer e Word. Battlefield 3 e OpenArena. Stai fresco a dire che i due fanno le stesse. Ma anche se così fosse, a che prezzo?

Ecco, questi due tipi di conversione condividono tutto. Gli sguardi sornioni delle persone che circondano l'interessato, lo straniamento iniziale in un mondo sconosciuto e l'enigma che sorge spontaneo: perché? Cosa ti ha portato a questa scelta?

Le motivazioni che spingono una persona ad affrontare una delle suddette "conversioni" sono le più svariate: "volevo provare com'è", "volevo vedere se ci sono benefici come dicono gli esperti", "lo fa anche tizio", "lo fa anche caio", "non voglio avere sulla coscienza gli animali", "senza si vive meglio" e una serie di altre menate che oramai tutti conoscono.
"STO PAIO DI SCALOPPINE" verrebbe invece da dire a me. Per il passaggio a Linux alcune motivazioni, inerenti magari a necessità particolari, possono anche trovare fondamento; il passaggio all'essere vegetariano invece (o, peggio ancora, vegano) ha motivazioni che trovo molto più insussistenti.

  • Gli animali si divorano a vicenda fin dall'alba dei tempi, adesso io dovrei sentirmi in colpa…di cosa? Dopo aver avanzato questo concetto ad un vegetariano, per tutta risposta mi è stato fatto un discorso secondo il quale gli animali non sterminano intere razze per un puro sfizio di palato. Beh miei cari, non è che siccome voi avete fatto il passaggio da "dieta saporita" a "cibo da sopravvivenza" ora tutti dovrebbero seguire il vostro esempio solo perché se una cosa è buona allora è sbagliato mangiarla. Senza considerare che un mio eventuale boicottaggio in toto non farà piangere nessun macellaio.
     
  • Altro discorso assurdo: "se l'uomo non avesse avuto i bastoni e le armi non avrebbe potuto cacciare o sarebbe stato sopraffatto dagli animali quindi la sua dieta è innaturale". Contro-discorso: l'uomo è stato creato onnivoro e intelligente, se fosse stato creato stupido e impacciato probabilmente sarebbe stato creato vegetariano onde evitare di lottare, per nutrirsi, contro le bestie che tutt'oggi faccia a faccia gli farebbero comunque il culo. Invece è stato creato onnivoro e, purtroppo per loro e per fortuna per noi, anche con un bel cervello. Nessuna stazza mastodontica, corni da rinoceronte, o artigli da tigre. Lui, l'arma e la preda. Se le tigri o i leoni o gli insetti fossero stati creati con un'intelligenza superiore sono pronto a scommettere che sarebbe andata esattamente allo stesso modo. È semplicemente istinto animale che si evolve.
     
  • Poi una tra le mie motivazioni preferite: "Non hai visto come e in che quantità uccidono gli animali per far contenti a voi carnivori?" Certo che sì, li trattano come merde anche per imbottigliare il tuo cazzo di latte con cui fai colazione la mattina ma di questo non ti preoccupi. Persino i vegani sono più coerenti.
     
  • "Se un essere vivente non è dotato di cervello allora il vegetariano può mangiarlo". E se domani iniziassero a clonare animali privi di cervello per il puro scopo di venir mangiati?
    Il giorno in cui scopriranno che le piante e i funghi hanno una coscienza o che riescono a percepire il dolore e la sofferenza i vegetariani moriranno tutti di fame. Sarà come un fallimentare e sistemico crash di Linux; e io sarò seduto su una sedia a sdraio a farmi grasse, grasse risate. Riderò a crepapelle come un cretino.

Orbene, come si sarà intuito io non sono né diventato vegetariano, né sono passato in alcun modo a Linux, ma ad essere beccata dalla sindrome di Ilaria Condizionata è stata invece la cara Buba (detta anche Sbarionyx, per chi s'intende di dinosauri). Credo che, essendo abruzzese e quindi carnivoro per definizione scientifica, se fosse diventata invece, chessò, lesbica non sarebbe stato tanto traumatico per me.
Alla base dell'insana scelta dovrebbero esserci non meglio specificate motivazioni etiche e salutistiche.
Qualcuno guarisce, qualcun altro no, staremo a vedere.

 

Nota a margine: sebbene porti il nome di un frutto non si è parlato di Apple in questo post, semplicemente per il fatto che chi da Windows o Linux passa a Mac non è più nemmeno vegetariano o vegano, ma coprofago.

Saluti.

Applecalypse

{jumi [*14]}Mio Dio, guarda chi è tornato strisciando come un verme implorando compassione.
È o non è tutta la comunità di teste di cazzo che mi veniva a dire "scegli Apple che non becchi virus"? Ma sì, sono loro! Guarda come si contorcono, per il cuore di Giuda!

Cos'è? I vermi sono entrati dal lato morsicato della mela? È crollata la vostra roccaforte? Vi sentite feriti? Derisi? In pericolo? Presi in giro? Io vi avevo avvertiti, ma siete solamente stati capaci di ridermi in faccia e di prendermi per un pazzo (wasn't I 'foolish' enough, my dear friends?). Nessuno di voi beceri cazzoni ha voluto darmi retta.
Non fate finta di non sapere di che sto parlando!
Inizia l'avanzata delle pedine nere sulla scacchiera. Era solo questione di tempo prima che la cosa prendesse piede e già diversi mesi fa c'era odore di disfatta. Davvero pensavate che l'esclusività del finto alternativismo Mac sarebbe durata così a lungo? Avreste dovuto saperlo che il vostro passaparola estasiato da fanboy ne avrebbe aumentato la diffusione, giusto il tanto che basta per far gola all'intera comunità hacker e farla mobilitare, una comunità che già assapora il sangue virtuale di Apple, che vi dimostrerà il vero significato di hungry & foolish. Personalità determinate a raggiungere un obiettivo, che dopo tutti questi anni passati a sentire le vostre farneticazioni sulla superiorità dell'architettura Mac (che poi è un derivato di UNIX, stesso campo di battaglia hacker) sfideranno se stessi e troveranno il modo per mettervelo in culo.
Di nuovo, davvero pensavate che i sistemi Mac fossero l'ultimo baluardo della sicurezza? La vostra fortezza inespugnabile al quale abbandonarsi ciecamente? Poveri stolti.
Non ho memoria di quante volte tra i forum leggevo eretici come me avvisare i fanboy che non avrebbero dovuto dare troppa fiducia alla sicurezza delle architetture Apple, che un giorno anche lei avrebbe mostrato il fianco. Vennero derisi anche loro, come i più ignobili dei ciarlatani. Sarebbe venuta l'ora della nostra silente vendetta, anche se nonostante tutto ancora oggi negate che il problema esista. Apple e il suo dannato lavaggio del cervello.
Ho sentito in giro qualcuno di voi piagnucolare roba del tipo: "Ah, si ho sentito di quel malware, ma non è un vero malware perchè per attivarlo si richiede l'autorizzazione dell'utente, quindi è colpa dell'utente se il PC s'infetta. Non di MacOSX." Sì, è colpa dell'utente. È vero. Ma è il principio di funzionamento preponderante anche su Windows. Il 90% delle volte è l'utente che non sa quello che sta facendo. Quindi come vedete voi utenti Mac non siete superiori a un bel cazzo, il livello di stupidità è esattamente identico, per cui non tentate neppure di giustificare la vostra presunta esperienza in materia di computer acquistando un Mac.

Come pensate di essere credibili nelle cose che dite quando vedo animali come voi durante l'apertura d'inaugurazione di un nuovo centro commerciale sfondarne le serrande perchè i gestori hanno scioccamente pensato di mettere in vendita l'ultimo smartphone di casa Apple a prezzo 'stracciato'? Come potete ora pretendere che io dia retta ai vostri farfugliamenti da mentecatti indottrinati? Suscitate in me solo tanta tristezza. Miserabili decantatori di un mondo fantastico dove si viaggia esclusivamente su binari e guai a chiedersi cosa c'è oltre le montagne.

Flashback è stato solo il primo ad aver sollevato (una minima) attenzione mediatica, prima di lui altri ne sono venuti. Ed altri ne verranno, state tranquilli. Apple ha appena varcato la soglia di non ritorno. La stessa Apple che non risponde alle richieste d'aiuto della sua comunità, alzando lo sguardo con indignata superiorità, quasi come a negare l'esistenza di un malware che infetta i suoi sistemi come se fosse il risultato sbagliato di un'equazione perfetta. La stessa Apple che ha fottuto soldi per anni ai suoi acquirenti con la scusa della garanzia a pagamento o con l'iPhone 4 a cui funzionava male l'antenna e che come scusante ha tirato fuori le cattivi abitudini d'impugnatura dei suoi utenti.

Digressioni storiche a parte, alla notizia del malware inizialmente ho mostrato un certo scetticismo anche io, visto che la notizia e le statistiche sono state divulgate da Kaspersky Labs che attualmente è uno dei pochi ad avere all'attivo un antivirus per sistemi Mac, quindi ha tutto l'interesse a spingere il proprio prodotto sul mercato. Ma quando poi Symantec e Dr.Web sono scesi in campo ho capito che qualcosa di grosso stava accadendo ed anche se effettivamente il numero di pc infetti è davvero esiguo rispetto a quello che si ha se si va ad analizzare la situazione di Microsoft, è il fatto che fa riflettere, nulla sarà più come prima.
Il malware è stato rilevato su centinaia di migliaia di sistemi Mac ed è stato in gran parte debellato grazie ad una patch rilasciata dalla stessa Apple. Appena dopo però che il virus mutasse. Punto e accapo. Il meccanismo è innescato anche per voi, belli miei, e si arriverà presto alla resa dei conti.

Davvero pensavi di farla franca, Apple?
Da oggi in poi…think different. 😉

Muore lui: tutti tristi. Muore l’altro: tutti zitti

{jumi [*14]}Eheheh, proprio come sospettavo è successo che la morte di Dennis Ritchie è passata inosservata agli occhi del grande pubblico, troppo occupato ancora a piangere la scomparsa del povero Steve Jobs.
Chi è (chi era) Dennis Ritchie? Voi lo sapete? Io non lo sapevo fino a quando San Google News, informato a sua volta da svariati siti web, non mi ha informato della sua morte, dunque sono andato a documentarmi.
Per chi ancora non lo sapesse dico brevemente che era colui che ha co-inventato il linguaggio di programmazione "C", sul quale si basa l'intero mondo software odierno. Uno con le palle che ha fatto e continua a fare scuola!
Windows, Linux, MacOS, Android, ma anche XBOX, PlayStation e tutta la sfilza di apparecchi che si basano su un software per funzionare, tutti utilizzano il medesimo linguaggio di programmazione che Dennis Ritchie ha creato, assieme al suo collega Ken Thompson, agli inizi degli anni 70.
Provate a pensare quanto può essere stata determinante la sua esistenza per il modo di vivere e di lavorare odierno. Si, anche per mandare mail e navigare su internet dal vostro merdosissimo iPhone.

Dennis ora non c'è più e così come io non lo avrei mai saputo se non mi informassi quotidianamente su siti specializzati del settore molto probabilmente non lo saprà mai nessuno che del settore non capisce un cazzo ma che ancora oggi piange come un bamboccio quando sente che "L'inventore del suo amatissimo iPhone (o iPod, o iPad o il cazzo che volete) è morto", affibiandogli addosso titoli come "il Leonardo Da Vinci di questo millennio".
Nota a margine: "inventore" solo di nome, perchè di fatto Steve Jobs non era nè un programmatore nè un tecnico, a parte dare un nome alle cose e a fabbricare concetti non è che facesse molto altro, non che sia cosa da poco in ogni caso. Era un ottimo uomo di marketing e un grande imprenditore, questo si (sebbene detesti la Apple e tutti i suoi prodotti in maniera indistinta).

Comunque non fa notizia la morte di uno sconosciuto per quanto possa aver cambiato il mondo più di Steve Jobs, per quanto lo stesso Steve Jobs debba il suo successo, in buona parte a Dennis Ritchie. Non fa notizia, a nessuno interessa perchè siamo tutti fondamentalmente degli iprocriti.

Per lui non ci sono "C Store" a cui portare fiori, non c'è un sito dove spiattellare un necrologio. Non ci sono servizi da mandare al TG su cui farci speciali su speciali dove sparare cazzate dette da gente che non sa di che sta parlando.
Dennis se n'è andato e nessuno lo sa, per cui nel mio piccolo voglio dare un minimo di visibilità a questo fatto.

Grazie Dennis, anche a nome di tutti i cazzoni che non apprezzeranno mai il fatto di aver reso il mondo informatico e telematico quello che è.

Quando si dice l’efficienza

Ora non voglio fare il fanboy ma è dell’altroieri la notizia che il fedele caro vecchio buon Windows XP troverà la sua “morte” nel 2020.
Cosa significa questo? Microsoft cesserà di fornire supporto per questo sistema operativo fra dieci anni.

La Microsoft, a fronte di un’altissima percentuale di aziende che utilizza ancora XP (74% in tutto il mondo), ha deciso che finchè Windows 7 avrà vita (Gennaio 2020 per Windows 7 Professional, Gennaio 2015 per Windows 7 Ultimate) XP gli viaggerà a braccetto. Quindi chi acquisterà una licenza professionale di Windows 7 potrà avere la possibilità di effettuare il downgrade ad XP senza costi aggiuntivi, nonostante non verranno più venduti computer con XP installato di default.

Duemilaventi! Sono diciannove anni di supporto! Credo sia il sistema operativo più longevo finora.

Facendosi due calcoli veloci possiamo dire che 19 anni è il tempo che intercorre tra il rilascio di Windows 3.0 al rilascio di Windows Vista, oppure da MS-DOS a Windows XP. Mica male, cazzo.

Fack Mac!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi